Vinitaly 2011

"L'Amarone della Valpolicella ed il suo territorio"



Le otto facce dell’Amarone:
sabato 9 aprile 2011 a Vinitaly una degustazione alla scoperta dei cru della Valpolicella,
alla ricerca dell’Amarone del cuore


Eleganza e finezza di gusto? È l’Amarone di Sant’Ambrogio di Valpolicella, ma se esprime freschezza e valori giovanili del frutto e della spezia è della vallata di Fumane. Ciliegia croccante per l’Amarone di Marano di Valpolicella, più floreale se del versante orientale, più denso e fruttato se del versante occidentale.

A Negrar l’Amarone è strutturatato, il frutto è più denso con sensazioni speziate più penetranti, mentre la Valpantena dà vini con sensazioni di amarena in confettura, secchi e predisposti per lunghi affinamenti.

Dalla piccola valle di Marcellise esce un Amarone intrigante, moderno, incalzante e da quella di Mezzane un vino schietto con valori alcolici più significativi, ma con freschezza e tannini ben definiti e di pregio. L’ottava valle è quella d’Illasi, dove l’Amarone è muscolare e allo stesso tempo elegante con frutto croccante e speziato, adatto al lungo affinamento di pregio.

L’Amarone della Valpolicella è un vino dal carattere ben definito, ma che si declina in maniera diversa a seconda della zona di produzione. Si tratta di una lunga striscia di territorio, che percorre tutta la provincia di Verona nella fascia pedemontana che dal lago di Garda a nord-ovest corre fino all’estremo nord-est.

Caratteristiche climatiche e pedologiche diverse caratterizzano quindi le otto vallate in cui si sviluppa la coltivazione della vite e che saranno il filo conduttore della degustazione in programma sabato 9 aprile 2011 alle ore 17 nel padiglione 4, presso lo stand istituzionale della Regione Veneto.

La degustazione, guidata dal giornalista degustatore Bernardo Pasquali, è aperta a 28 persone previa prenotazione al Consorzio Tutela Vini Valpolicella - Tel. 045-7703194.